Sei sfortunato?

Ecco i talismani che ti potranno aiutare a ritrovare la fortuna

FERRO DI CAVALLO

Nel mondo occidentale si usa appendere il ferro di cavallo all’entrata di casa, dei fenili, delle stalle per proteggere il luogo dalle forze maligne. Quanto più raro è un materiale tanto più si carica di poteri soprannaturali e proprio così era il ferro nell’antichità: raro e ricercato (di qui anche l’usanza di “toccare ferro”). Prima che dalle profondità delle miniere, il ferro proveniva dalle meteoriti cadute sulla terra e forse per questo venne considerato un dono del cielo e degli dei.

TAU

La tau, che ricorda nella forma la T maiuscola, è un antichissimo simbolo che è stato ritrovato negli scavi di Medio Oriente, Egitto e Europa orientale. La tau simboleggiava saggezza, forza, vita, rigenerazione e fecondità e veniva portata come amuleto protettivo contro gli imprevisti sfortunati. In particolare veniva indossata per proteggersi dalle malattie della pelle, dai morsi di serpenti, dai veleni e dalle ferite in guerra.

MANI DI FATIMA

La mano di Fatima è un potente talismano che infonde le doti della pazienza e della fede. Chiamata mano di Humsa dagli indù e mano di Miriam dagli ebrei, ha la forma di una mano stilizzata e spesso, incastonato nel centro del palmo, si trova anche un occhio, che ha la funzionedi tenere lontano il malocchio.

CORALLO ROSSO

E’ un amuleto milleusi: messo tra le tegole allontana i fulmini, legato all’albero maestro di una nave protegge dai naufragi, collocato tra le messi scongiura la piaga delle locuste, appeso sopra il letto dissolve gli incubi… Uno specifico amuleto fatto di corallo rosso è il cornetto, diffuso soprattutto in Italia e tra gli italiani, ma diventato popolare in tutto l’occidente.